Da cosa può dipendere il calo di performance “improvviso” nello sportivo? Tendenzialmente, un atleta è portato a considerare come improvviso un calo di prestazione di cui non riesca a comprendere bene le cause, almeno intuitivamente parlando. Situazione che determina una certa destabilizzazione sul piano della fiducia. La performance, che giunge ad un punto e livello di continuità dopo un determinato periodo di tempo in cui l’atleta ha potuto sviluppare un livello prestativo costante, può essere in effetti soggetta ad un calo inatteso, anche laddove apparentemente non vi siano motivi di natura fisico/atletica che possano giustificarlo. Fermo restando che l’organismo è ovviamente soggetto a fasi diRead More →

Se lo stress rappresenta una risposta di adattamento da parte dell’organismo e dello sportivo a situazioni che procurano allarme, il fenomeno dell’ansia costituisce invece una variabile che trae origine dall’anticipazione di un possibile pericolo e pertanto dall’atteggiamento che un atleta ha nei confronti di specifici eventi in grado di alterarne l’equilibrio psicofisico.  La risposta tipica dell’ansia si manifesta infatti attraverso modificazioni fisiologiche assimilabili a quelle della paura (in primis collegate con l’aumento della frequenza del battito cardiaco). L’ansia, se concepita tuttavia come strumento in grado di favorire l’insorgere di una tensione pregara ottimale, quindi adeguata al livello prestativo che attende l’atleta, ha certamente una valenza positiva.Read More →

Combattere forti situazioni di stress richiede da parte delle persone la necessità di attivare dei meccanismi che potremmo definire ad esse “antagonisti”. Tra gli strumenti più importanti e (maggiormente duraturi) in grado di favorire la messa in atto di risposte antagoniste allo stress vi è senza dubbio il rilassamento, ovvero un’attività basata su un determinato utilizzo della respirazione ed il raggiungimento parallelo di uno stato di distensione e calma che consente un’adeguata e consapevole “connessione” con il proprio corpo e la propria mente. Le tecniche di rilassamento sono molteplici ma, indipendentemente dalla specifica tecnica utilizzata, hanno tutte un medesimo comun denominatore costituito dai seguenti obiettivi:Read More →

L’atleta, affinché la propria prestazione sia ottimale, necessita di affiancare all’allenamento fisico/atletico un adeguato training di natura mentale, in grado di aiutarlo a potenziare le sue prestazioni. Il Mental Training è un efficace insieme di strategie che mira a supportare gli sportivi nel gestire adeguatamente le proprie abilità mentali utili al miglioramento delle prestazioni in allenamento e in gara, attraverso un dettagliato programma che, oltre a sensibilizzare l’atleta sulle funzioni, processi e strumenti di tale percorso, interviene su specifici fattori psicologici in modo progressivo, allo scopo di apportare passo dopo passo, importanti novità nel modo di allenarsi e di gestire lo stress. Agendo, ad esempio,Read More →