Abbandono Sportivo: cause, interventi e prevenzione Il ciclo di vita sportivo di un atleta è caratterizzato sempre da fasi di crescita e momenti naturali di involuzione, talvolta così profondi da condurre al cosiddetto Drop-Out, ovvero l’abbandono (temporaneo o definitivo). Anche se il Drop-out può avere esiti diversi, ovvero la totale rinuncia alla pratica sportiva o semplicemente il cambio di disciplina, è evidente quanto tale decisione sia dolorosa ed apparentemente incomprensibile visti il tempo, l’impegno, i sacrifici profusi e le rinunce dell’atleta nel tempo, negli anni. Energie psicofisiche investite nell’apprendimento, nell’agonismo e nella competizione che d’un tratto sfumano, spesso nel bel mezzo di una fase diRead More →

Ecco perché il Mental Training sportivo può aiutare i ragazzi nello studio Una delle domande più frequenti che mi vengono rivolte dai genitori di giovani atleti che accedono al servizio di Mental Training, è la seguente: ” Scusi Dottore, ma le attività che fate insieme per lo sport, sono poi utili anche a scuola?” La risposta è affermativa ed in questo post voglio spiegare alcuni motivi per i qual il mental training sportivo abbia ripercussioni positive anche nella scuola. ► Se parliamo di gestione dell’ansia da prestazione, è chiaro che la possibilità di comprendere meglio le dinamiche sportive (personali e  contestuali) che determinano l’attivazione diRead More →

I principi basilari del Karate insegnati dal maestro Gichin Funakoshi hanno a mio avviso un grande fascino, oltre che una sostanziale attinenza con la Psicologia dello Sport. In effetti si sposano molto bene con i presupposti di base del Mental Training che interviene proprio su molte delle abilità psicologiche a cui si fa riferimento nei 20 principi che vi ripropongo. L’idea dello stesso Maestro Funakoshi era in effetti che “lo scopo ultimo del karate non si trova nella vittoria o nella sconfitta, ma nella perfezione del carattere dei partecipanti”. Nel Mental Training non si parla di perfezione, certo, ma senza dubbio di crescita, sviluppo, equilibrio,Read More →

Perché monitorare il livello di stress dell’atleta? La prestazione dell’atleta è condizionata da una serie di fattori interni (di natura psicologica) ed esterni (ambientali, contestuali), i cosiddetti stressors, in grado di influenzare la sua capacità di adattamento globale al fattore emotivo e situazionale della performance (coping). Fattori molteplici e complessi che influiscono inoltre sulla gestione del mantenimento dell’impegno sportivo e sul livello di soddisfazione personale dell’atleta.  Il monitoraggio del livello di stress da parte dello psicologo dello sport (durante le sessioni di mental training e con appositi questionari) consente di valutare nell’arco di un periodo temporale prestabilito (a breve, medio e lungo termine) le capacitàRead More →