Atleti in panne e calo prestativo: “Aiuto! Non mi riconosco più!”

Atleti in panne e calo prestativo: “Aiuto! Non mi riconosco più!”

Tra le varie tipologie di richieste che mi giungono dagli atleti, una in particolare ritengo abbia elevato potere predittivo di un buon percorso: un supporto nel “ritrovare” se stessi in un periodo caratterizzato da netto calo della performance.
 

Alcune esempi? “Gareggio ma non sono io“. “Mi sembra di aver perso il mio temperamento“. “Non mi è mai capitato nulla di simile..non reagisco, sembra quasi che…non siano fatti miei“.”Non trovo la forza di reagire perché non capisco cosa mi succeda. Eppure non ci sono problemi specifici..

 

Stati d’animo, questi, che portano lo sportivo a perdere sicurezze, fiducia, entusiasmo. Soprattutto quando non ha chiaro quali siano i motivi reali di una difficoltà di questo tipo.
 

Denoto con grande piacere che lo sblocco si attiva già nel momento in cui l’atleta ha davanti alcune opzioni, frutto della ricostruzione fatta insieme a lui di situazioni, dinamiche, elementi tecnici etc.. che ad un tratto rappresentano tasselli di un puzzle che acquisiscono un senso.

Il passaggio dallo sconforto allo stupore, da uno stato depressivo ad uno fortemente proattivo è quasi immediato.

Se dovessi fare un elenco sintetico delle cause più ricorrenti, potrei citare:

  • la qualità motivazionale dell’atleta (non quanta motivazione ha, quindi, ma di quale natura essa sia).
  • esperienze pregresse di infortunio non del tutto superate
  • difficoltà di natura relazionale
  • criticità di tipo ambientale
  • ansia da prestazione (collegata spesso a quella che definisco “fatica del perfezionista patologico”)
  • percezioni di aver intrapreso strade sbagliate

A seguito di un periodo di duro lavoro fatto di approfondimenti, definizione di nuovi obiettivi e di una ristrutturazione dei significati dati dall’atleta ad alcune esperienze ed episodi sportivi, gradualmente riemerge la consapevolezza delle proprie capacità e, spesso, una nuova linfa motivazionale che riattiva mentalmente e fisicamente l’atleta superando il calo della performance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.