Abilità mentali: formulare obiettivi chiari

Abilità mentali: formulare obiettivi chiari

Sembra strano, ma uno dei principali limiti di molti atleti e di molte squadre è l’assenza di una chiara definizione di obiettivi individuali e collettivi pianificati durante l’anno.
Questa scarsa propensione a identificare con precisione degli scopi da raggiungere rappresenta di sovente un fattore di elevata criticità nello sportivo, che si trova spesso ad agire mosso da obiettivi di “massima” ( “vincere”, “fare il mio meglio”, “dare il massimo” etc..) che perdono di carica motivazionale proprio in virtù della loro genericità.

Affinché l’obiettivo sia motivato e motivante, è infatti necessario che l’atleta si in grado di stabilire 3 tipologie di obiettivi: a breve, medio e lungo termine nell’arco della stagione.

Evidentemente ne deriva un processo graduale di crescita in cui è il raggiungimento di un primo step a rendere ri-motivato l’atleta nella direzione del traguardo successivo, che, a sua volta, acquisisce carica ri-motivante.

L’abilità mentale alla base del goal setting (la definizione degli obiettivi, appunto) è particolarmente utile anche a indicare con precisione scopi che siano raggiungibili, rilevanti e misurabili, sia soggettivamente che oggettivamente (ad esempio un miglior approccio pre-gara, o un punteggio migliore in una certa performance).

 

Gli obiettivi SMART (appunto piccoli, misurabili, raggiungibili, rilevanti e basati sul fattore temporale) costituiscono per l’atleta occasione di valutazione delle proprie capacità e competenze e quindi di identificazione di potenzialità funzionali ad un miglioramento dell’efficienza nell’espressione della propria performance.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.