L’atleta? A letto presto! Uno studio spiega il perché Stavo leggendo un interessante articolo relativo ad uno studio effettuato dall’Università di Tel Aviv in merito al rapporto esistente tra il sonno e la capacità di un individuo di controllare le proprie emozioni.  In sintesi, la ricerca ha evidenziato una correlazione tra la diminuzione delle ore di riposo notturno e la difficoltà di percepire in modo proporzionale l’entità del carico emotivo insito negli stimoli ed eventi esterni. L’assenza di riposo determinerebbe infatti che alcuni stimoli normalmente neutri possano divenire capaci di distrarre e di compromettere la valutazione emotiva del soggetto percipiente al pari di uno stimoloRead More →