La cultura della vittoria e della sconfitta nello sport Una sana cultura della vittoria implica, da un punto di vista psicologico, la presenza di due variabili fondamentali: ► un ottimale orientamento alla prestazione ► l’accettazione costruttiva del suo opposto, ovvero la sconfitta. Quando un atleta professionista si pone come obiettivo ossessivo e totalizzante arrivare al “Top” e il secondo posto viene pertanto considerato banalmente come “il primo degli ultimi”, è chiaro che la pressione associata alla competizione può diventare veramente logorante sotto il profilo mentale, escludendo severamente la possibilità di perdere che, al contrario, c’è sempre. Il perfezionismo patologico che talvolta colpisce la mente di uno sportivo d’elite,Read More →

La premiazione come incoraggiamento al successo sportivo, non alla vittoria Gli sport di squadra prevedono sempre che vi sia un vincitore ed uno sconfitto. Un gruppo prevale sull’altro, una squadra vince, l’altra perde.Non si può negare che, per definizione, sia difficile accettare la sconfitta. Tuttavia essa non è semplicemente un segno di debolezza o un momento in cui l’autostima complessiva del gruppo viene meno, ma è, per chi è abituato a competere, motivo e stimolo per migliorarsi, per aumentare l’efficacia e la qualità della propria performance.O almeno così sarebbe opportuno che fosse. Nel mondo degli adulti e degli sport di squadra, questo aspetto è determinanteRead More →