Nel calcio si sa, è questione di ruoli. Ciascun calciatorericopre aree del campo specifiche muovendosi in modo sinergico con i compagni di squadra grazie a caratteristiche peculiari adatte al compito da svolgere sul terreno di gioco (robustezza, velocità, resistenza, visione di  gioco etc..). Ogni ruolo in campo richiede la presenza sia di qualità tecniche e fisiche del giocatore, che  di attitudini di tipo tattico e psicologico. Un lavoro che senza dubbio necessita di allenamento e di apprendimento nel tempo. Ma qual è il momento più favorevole per iniziare a prepararsi a ricoprire una posizione in campo? Qual è, insomma, l’età giusta per apprendere un ruolo delineatoRead More →

Frequentemente nel calcio, così come nello sport, sentiamo parlare della differenza esistente tra campioni veri e giocatori che invece riescono a raggiungere performance importanti soltanto in modo occasionale e discontinuo. Ma da cosa può dipendere questa differenza, quali sono le caratteristiche che, a parità di qualità tecniche, rendono un atleta più performante rispetto ad un altro? Una dalle componenti in grado di facilitare questo obiettivo è senza dubbio il cosiddetto Self-Talk positivo, ovvero il dialogo interno con il quale l’atleta parla a se stesso, prima, durante e dopo un gara, ma anche in allenamento o semplicemente nella sua quotidianità, al fine di motivarsi e concentrarsiRead More →

Sappiamo tutti che nello sport è fondamentale la componente motivazionale al fine di raggiungere performance ottimali. Non può esserci performance senza quella spinta ad agire, a pervenire ad un obiettivo prefissato. Questo stimolo verso l’obiettivo può avere origini diverse e direzioni difformi.La motivazione è infatti distinguibile in due importanti categorie: la motivazione intrinseca e la motivazione estrinseca. La motivazione intrinseca è la responsabile della nostra tendenza a scegliere liberamente i comportamenti da adottare in un dato contesto, mentre la motivazione estrinseca indica la presenza di fattori esterni che guidano il nostro comportamento. In sostanza, quando facciamo ciò che abbiamo deciso autonomamente di fare senza cheRead More →

Dopo la recente gara del campionato di Serie A disputatasi allo stadio Is Arenas di Cagliari che ha visto l’assenza di pubblico sugli spalti a causa di disposizioni delle istituzioni del territorio l’allenatore della Fiorentina Montella ha apertamente dichiarato che buona parte della responsabilità della sconfitta della sua squadra per 1-2 è adducibile anche all’assenza di spettatori, una situazione anomala a cui il Cagliari sarebbe abituato da tempo e la Fiorentina no. Ma è così significativa la presenza di pubblico sugli spalti?La risposta è senz’altro affermativa. Ci sono infatti vari fattori in grado di incidere sul comportamento della squadra in campo in casi del genere.Read More →