Bambini e Sport: Il fenomeno del Campionismo nel Calcio

Molti bambini entrano nel calcio per puro divertimento e con la naturale volontà di trovare in questo sport uno spazio di socializzazione e di confronto sociale, in cui poter crescere grazie all’esperienza di gruppo.

Un processo molto importante che però rischia di dover affrontare molti ostacoli quando il talento di un giovane calciatore viene in qualche modo strumentalizzato e forzato,esponendo il bambino al cosiddetto Campionismo.

 In questa slide, inserita all’interno della mia Pagina Facebook “Psicologia del Calcio”, cerco di riassumere schematicamente alcuni segnali che indicano il presentarsi di questo delicato fenomeno, molto più diffuso di quanto si crede e nei confronti del quale non tutti i tecnici sono preparati.

 Il Campionismo richiede infatti ad una società di riflettere, oltre che su se stessa, anche sul rapporto instaurato con il bambino e con i suoi genitori. Solo attraverso un accurato accompagnamento del giovane atleta e del suo contesto personale di riferimento verso una riconsiderazione del modo di porsi nel calcio ( e di gestire eventualmente il suo talento) si rende possibile far tornare il bambino alla dimensione che più conta: il divertimento per lo sport.

Dr Fabio Ciuffini, Psicologo a Prato, Altopascio e zone limitrofe (Lucca, Montecatini).
Consulenza Psicologica per adulti. Psicologia Sport e Lavoro
Albo Psicologi Regione Toscana n°4521
Tel. 320-0298136
P.IVA 02271580975
Polizza n. 47854832, Allianz SpA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *